La Storia della Sezione

Anno di fondazione 1985.

La sezione CAI di Popoli ha festeggiato nel 2015 il trentennale della sua fondazione anche se  vanta una storia assai più lunga.

Infatti già dal 1913 un gruppo di popolesi con la passione per la montagna si riuniscono progettando  e condividendo una serie di attività principalmente sulla locale montagna di Popoli (Monte Rotondo). La figura carismatica che li unisce è l’alpinista ma anche poeta Edoardo Corti (conosciuto anche come Enrico Bardi).

Il punto di ritrovo è il conosciutissimo Chalet  ubicato al centro dell’attuale corso A. Gramisci da qui si progettano le escursioni sul Morrone e sulla Majella.

Nel 1927 viene ufficializzata quello che era già di fatto diventata, una sezione del Club Alpino Italiano. In principio autonoma, poi sottosezione dell’Aquila dal 1930 al 1932. Con la presidenza di Luigi Martocchia tornerà autonoma nel 1932 e proseguirà con una intensa attività escursionistica fino allo scoppio della guerra che nel 1944 porterà alla scomparsa dell’allora presidente Edmondo Di Pillo.

La sezione si sciolse e lo rimase per tutta la durata della guerra e oltre, fino al 1967, quando Renato Cipolla riuscì appoggiandosi dapprima alla sezione di Sulmona a rimettere insieme un nuovo gruppo di appassionati che rifonderà nel 1985 la nuova sezione di Popoli.